In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Il mio Cristo rotto cammina sulle acque

Catalina Rivas

ISBN: 9788897420422
Nr. pagine: 64
Formato: 12x16,5
Categoria: Mistica

€ 2,70 invece di € 3,00

Sconto del 10 %

Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Segnala ad un amico

 

TESTIMONIANZA DI CATALINA RIVAS

 

In questo libro Catalina Rivas racconta di vivere in un momento di particolare sofferenza, causata soprattutto da alcune persone che cercano in tutti i modi di diffamarla.

Attraverso l'ascolto (su invito di Gesù) di un'audio-cassetta di Padre Ramon Cué, il Signore dà a Catalina un insegnamento straordinario, una chiave per affrontare tutte le sofferenze piccole o grandi procurate dal prossimo.

 

 

DAL TESTO:

"Ascolta, - continuava Gesù attraverso la voce della cassetta - non hai qui un ritratto di un tuo nemico? Di qualcuno che ti invidia e che non ti lascia vivere; di qualcuno che sistematicamente interpreta male tutte le cose che fai; di qualcuno che va sempre parlando male di te; di qualcuno che ti ha rovinato, che ha dato informazioni cattive sul tuo conto; del traditore che ti ha fatto uno sgambetto...".

[Catalina] "Oh Signore, non mi chiedere questo adesso!", dissi nuovamente singhiozzando. Non puoi chiedermi questo ora...

 

"...Devi mettermi la faccia del blasfemo, del suicida, del degenerato, del ladro, dell'ubriaco, dell'assassino, del criminale, del traditore, del vizioso... Non vedi che costoro appartengono tutti a questa povera umnità afflitta creata da mio Padre? Non ti rendi conto che Io ho dato la mia vita per tutti?

Il Padre mio si affacciò dal Cielo per vedermi sulla croce e contemplarsi nel mio volto... Sul mio volto vide sovrapposte in una successione vertiginosa le facce di tutti gli uomini...

Dal Cielo, durante quelle tre terribili ore della mia agonia sulla croce, Egli contemplava la sfilata tragica dell'umanità vinta, mentre Io gli dicevo: - Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno! -.

Il Padre mio vide passare sul mio volto la faccia del superbo, quella del settario, che concepiva la distruzione di Dio, quella fredda e crudele dell'assassino. Aveva labbra ripugnanti, occhiaie infossate segnate dal fuoco della lussuria, insopportabili folate di ebbrezza, pallore da nottate infangate nel vizio, torbidi sguardi di perversione e di delitti, di segrete anormalità inconfessabili e oscure...

E il Padre mio... Dio, li amò tutti, e perdonò i loro peccati...". [...]

 

Continuò la voce della cassetta: "Ricordiamo il volto di colui che più di ogni altro ci procura odio e antipatia, avviciniamolo a Cristo, anche se sentiamo tremare il nostro polso. Mettiamolo sopra il suo volto e immaginiamo che il nostro nemico, quell'essere che odiamo, prenda il suo posto sulla croce.

Chiudiamo gli occhi, avviciniamoci al crocifisso e baciamo umili e riverenti la sua figura... Ci avvolgerà una voce calda e melodiosa, paterna e piena di bontà. Quella che da molti secoli ci trasmette la più grande e meravigliosa eredità che nessun uomo potrebbe avere, racchiusa in solo sei semplici parole: "Amatevi gli uni gli altri!".

 

 


Indice del libro

 

PARTE PRIMA

Inizio di questa testimonianza

1) Persa nella vera storia

2) Il momento che sto ora vivendo

3) Un canto alla vita. Nuove strade, nuove sfide

4) Parlando di "vita", una semplice storia di cagnolini

5) Regali del Cielo

6) La croce di ogni giorno... donacela oggi!

7) La mia piccola tristezza e l'enorme tristezza della Vergine Maria

 

SECONDA PARTE

Il mio incontro con "Il Cristo rotto"

1) Dalla mano del mio Signore

2) Tornano i... ricordi?... coincidenze?

3) L'opera che ha ispirato questa mia testimonianza:

3.1 Compravendita di crocifissi

3.2 Dio ha la mano sinistra

3.3 Si è persa una croce

3.4 Chi Ti spaccò la faccia?

4) Titorno alla mia testimonianza

5) Parole conclusive

 

La mia profonda gratitudine a:

Il mio riconoscimento, affetto e rispetto a:

 

 


Altri libri della collana Mistica