In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

La vita della Madonna - secondo le contemplazioni di Anna Caterina Emmerick

Vincenzo Noja

ISBN: 9788888609288
Nr. pagine: 416
Formato: 15x21
Categoria: Mistica

€ 14,40 invece di € 16,00

Sconto del 10 %

Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Segnala ad un amico


L'unica edizione integrale in Italia!

 

Le visioni della Beata Anna Caterina Emmerick sugli antenati della Madonna, la vita della Santa Vergine dall’infanzia alla Passione di Gesù e all’Assunzione di Lei al Cielo: «una ricchezza inesauribile che sorpassa ogni supposizione umana a riguardo della vita di Gesù e Maria. Davanti a questa meravigliosa e inesauribile opera, non si può non esclamare: "Qui c’è il dito di Dio!"» (D. Gueranger, Abate di Solesmes). 

 

DAL TESTO:

LA NASCITA DI GESÙ

"La Santa Vergine annunciò al suo sposo che a mezzanotte si sarebbero compiuti i nove mesi dal momento in cui fu concepito il Santo Figlio e l'Angelo l'aveva salutata Madre di Dio. Ciò detto, Maria pregò Giuseppe di fare da parte sua tutto quanto fosse possibile affinché il Fanciullo promesso da Dio e concepito in modo soprannaturale venisse ricevuto con tutto l'onore possibile. Inoltre lo esortò ad unirsi a Lei nelle preghiere ardenti per intercedere la misericordia di Dio verso quei duri di cuore che le avevano negato l'ospitalità. [...] Poi Giuseppe si recò in città per fare altri acquisti, nonché uno sgabello, frutta secca, pani e dell'uva appassita, e ritornò nella Grotta del Presepio dove trovò la Santa Vergine distesa sul suo giaciglio. Giuseppe cucinò, e così pregarono e mangiarono in comunione. Siccome il momento del prodigioso evento si avvicinava, il sant'uomo separò la propria cella dal resto della grotta; questo lo fece con alcuni pali ai quali appese delle stuoie. Poi diede da mangiare all'asino che aveva legato vicino alla porta. [...] Appena rientrato, il sant'uomo fu avvolto da una luce celeste soprannaturale. Allora vide la Madonna genuflessa e aureolata di raggi luminosi; pregava in ginocchio sul suo giaciglio col viso rivolto a oriente e la schiena verso l'ingresso. La caverna era interamente illuminata da questa luce intensa. Giuseppe contemplò la scena come una volta Mosè aveva fatto con il roveto ardente; poi, entrato con santo timore nella cella, si gettò proteso sul terreno e si immerse nella preghiera più devota. Lo splendore che irradiava la Santa Vergine diveniva sempre più fulgido, tanto da annullare il chiarore delle lampade accese da Giuseppe. La Madonna, inginocchiata sulla sua stuoia, teneva il viso rivolto ad oriente. Un'ampia tunica candida priva di ogni legame cadeva in larghe pieghe intorno al suo corpo. Alla dodicesima ora fu rapita dall'estasi della preghiera, teneva le mani incrociate sul petto. Vidi allora il suo corpo elevarsi dal suolo. Frattanto la grotta si illuminava sempre più, fino a che la Beata Vergine fu avvolta tutta, con tutte le cose, in uno splendore d'infinita magnificenza. Questa scena irradiava tanta grazia divina che non sono in grado di descriverla. Vidi Maria Santissima assorta nel rapimento per qualche tempo, poi la vidi ricoprire attentamente con un panno una piccola figura uscita dallo splendore radioso, senza toccarla, né sollevarla. Dopo un certo tempo vidi il Bambinello muoversi e lo udii piangere. Mi sembrò che allora Maria Santissima, sempre Vergine, ritornando in se stessa, sollevasse il Bambino e l'avvolgesse nel panno di cui l'aveva ricoperto. Alzatolo dalla stuoia, lo strinse al petto. Sedutasi, la Madonna si avvolse col Fanciullo nel velo e col suo santo latte nutrì il Redentore. Vidi una fitta schiera di figure angeliche nelle spoglie umane genuflettersi al suolo e adorare il Neonato divino; erano sei Cori angelici entro un alone di fulgida luce abbagliante. Un'ora circa dopo il parto, Maria chiamò Giuseppe, che se ne stava ancora assorto in preghiera. Lo vidi avvicinarsi e protendersi umilmente, mentre guardava in modo gioioso e devoto il Bambino divino. Solo quando la Santa Consorte gli ripetè di stringere al cuore con piena riconoscenza il dono dell'Altissimo, egli prese il Bambino tra le braccia e lodò il Signore con lacrime di gioia...".

 

 

Nella foto: Anna Caterina Emmerick

 


Indice del libro

 

Parte introduttiva

- Esortazione di San Bernardo a rivolgersi alla Madonna

- Note esplicative del curatore della versione italiana

Particolarità di questa visioni

Citazioni

Profilo biografico della Veggente - Preambolo

La vita

La Madonna: notizie biografiche

 

PARTE PRIMA - LA PROMESSA SI COMPIE

- VISIONI SUGLI ANTENATI DELLA MADONNA

- VISIONI SUI MISTERI E IL CONCEPIMENTO DI MARIA SANTISSIMA

 

PARTE SECONDA - L'AVVENTO

- LE NOZZE DELLA SANTA VERGINE MARIA

- LA NASCITA DI GESU' CRISTO

- I SANTI RE MAGI

 

PARTE TERZA - LA MADRE DOLOROSA

- LA PURIFICAZIONE DI MARIA SANTISSIMA

- LA STRAGE DEGLI INNOCENTI

- LA FUGA IN EGITTO

- DAL RITORNO A NAZARETH ALLA DOLOROSA PASSIONE

- IL DOLORE DI MARIA SANTISSIMA ALLA PASSIONE DEL FIGLIO

 

PARTE QUARTA - MORTE E ASSUNZIONE DELLA SANTA VERGINE AD EFESO

- LA SANTA VERGINE MARIA AD EFESO

- MARIA SANTISSIMA SUL LETTO DI MORTE

- IL TRAPASSO


 


Altri libri della collana Mistica